EnglishFrenchGermanItalianSpanish

Evgen Bavcar, il buio, uno spazio

Published on gennaio 14th, 2012

Le immagini di Bavčar dal 19 gennaio al 25 marzo al Museo di Roma in Trastevere. Una selezione delle sue famose stampe in bianco e nero e in anteprima assoluta per l’Italia alcuni dei suoi scatti a colori.

evgen-bavčar-fotografo-sloveno

evgen-bavčar-fotografo

 

 

 

 

 

 

 

© Evgen Bavčar / Courtesy Esther Woerdehoff 2011

Non vedente dall’età di 12 anni a causa di due incidenti, gli scatti fotografici di Evgen Bavčar sfidano ogni legge naturale, sottolineando quanto può essere sottile ma così grande la differenza tra vedere e guardare. L’occhio interno, l’occhio che preme su ciò che si percepisce, l’occhio che assapora profumi e che ascolta i rumori.

Dotato di una profonda sensibilità, il fotografo sloveno porta alla luce aspetti invisibili ai vedenti. Ricordi, suggestioni e personali interpretazioni della luce, fatta propria nel momento in cui ha smesso di splendere agli occhi di Bavčar; visioni sognanti, luoghi dell’anima, immagini mentali che prendono forma e che si traducono in scatti poi scelti dagli amici. Atmosfere notturne che ci riportano in una dimensione surreale e così magica da pensare che forse nessun senso è indispensabile se si riesce a trasformare un sogno in realtà.

T.iG.er

Ti è piaciuto? Aggiungi un commento!

comments