EnglishFrenchGermanItalianSpanish

Bugo Live con Nuovi rimedi per la miopia

Published on dicembre 11th, 2011

Chi è che riesce oggi con sana ironia a parlare di un problema serio? … Chi è che non si è mai fermato davanti a nessuna “etichetta”? Naturalmente BUGO! Comunicatore nato, in ogni suo pezzo suonato durante il live ai Magazzini Generali di Milano c’era l’energia giusta per appassionare, denunciare, divertire con la sua indolenza e i suoi paradossi…il concerto ha lasciato qualcosa in più, che va oltre la musica…

Look & Sound in continua evoluzione, la grande abilità teatrale di Bugo visibile sulla scena negli ultimi dieci anni, gli ha permesso di interpretare diversi personaggi pur rimanendo sempre se stesso. Ora è maturo! … Una maturità conquistata nella ricerca di un proprio originalissimo stile e di una propria vena melodica che l’ha condotto all’artista di oggi, ma anche di ieri e di domani. Dagli anni ’70 fino al 2050. Rivisitatore e precursore dei tempi, miscela e propone cocktails unici e sempre molto sorprendenti. “Nonhotempo”, la bellissima “love boat”, “amore mio infinito”, molti dei brani del nuovo album “Nuovi Rimedi Per La Miopia” e di “Contatti”, e poi una selezione dei suoi pezzi più celebri come “Nel Giro Giusto”, “Il Sangue Mi Fa Vento”, “La Mano Mia”, “In Pieno Stile 2000”, “Ggeell”, “Casalingo”, “C’è Crisi”, “I miei occhi vedono”, “E Ora Respiro”, “Io mi rompo i coglioni” (uno dei primi pezzi scritti a Milano).

Che dire! Bugo è un bug! Grande quanto il millenium! E’ arte, amore, musica e viaggio. Primo fra tutti i nuovi cantautori italiani, Bugo riesce ad incarnare quello che in Italia manca da sempre: musica fuori dai cliché…pura ispirazione del momento, eclettica creatività di un’artista che non si risparmia sul palco e si concede come pochi all’interazione con il pubblico. Seguendo tutti i live di Bugo dai tempi di “Dal Lofi al Cisei” e collezionando tutti i suoi album, mi accorgo che ogni suo disco è sempre una sorpresa per me. Componibili, ma tutti con una propria anima. Blues, elettronica, indefinibile e ineguagliabile, perché “artigianale“. Direi che è uno dei pochi che distinguerei con l’etichetta “MADE IN ITALY“. Grande BUGO!!! “C’è chi si gonfia nelle parti giuste per apparire” (da Carla è Franca dell’album “Arriva Golia”) … io dopo aver scoperto Bugo, mi BUGO che è meglio!! Ciao!

T.iG.er Freetrump

Ti è piaciuto? Aggiungi un commento!

comments