EnglishFrenchGermanItalianSpanish

Vanessa Beecroft

Published on luglio 20th, 2011

Le numerose gallerie e i musei di arte contemporanea che ospitano le performance di Vanessa Beecroft ospitano coreografie fatte di corpi che si muovono tra luci, suoni, sculture. Le opere sono tele in movimento che si sviluppano lentamente; pittura e scultura si mescolano in enormi “quadri viventi” sintesi di premeditazione e studio; ma non tutto appare prevedibile, vi è sempre comunque in ogni performance, una componente aleatoria inevitabile che crea l’imprevisto.

Nelle esibizioni i corpi stanchi finiscono per sdraiarsi e sedersi, il tempo è l’attore sovversivo, protagonista assoluto che trasforma i corpi nudi in icone. Le performance, eternizzate da foto e video, vivono in una continua evoluzione, vedono la loro completezza nell’integrazione con la dimensione ambientale e con un’altra dimensione più intima e psicologica che coinvolge lo spettatore.

Le opere sviluppate quasi sempre con l’utilizzo di corpi femminili pongono al centro della riflessione le tematiche dello sguardo, del desiderio e del cangiante mondo della moda. La quasi totale assenza di mobilità e interazione di queste “sculture umane” pongono lo spettatore in uno stato di autoriflessione. La performance non è che uno specchio nel quale rivedersi e magari non ritrovarsi. Così i corpi di donne spersonalizzati, scelti accuratamente secondo alcuni parametri, inseguono un modello di omogeneità e uniformità e paiono riacquistare la loro corporeità solo durante i movimenti indicati dall’artista durante lo svolgimento.

Vanessa Beecroft è considerata una delle artiste più innovative e accreditate nel panorama contemporaneo internazionale. E’ possibile al momento assistere ad una sua mostra presso la Galleria Lia Rumma di Napoli; al centro di questa esposizione vi sono tre sculture inedite e le videoproiezioni di VB66 e VB67, realizzate dall’artista nel 2010 rispettivamente al Mercato Ittico di Napoli e agli Studi Nicoli di Carrara, e i lavori fotografici, di grande dimensione, tratti dalla prima performance (VB66).

Ti.G.er

 

Ti è piaciuto? Aggiungi un commento!

comments