EnglishFrenchGermanItalianSpanish

Diego Mancino

Published on marzo 20th, 2011

diego-mancinoA lui piace incendiare tutto intorno, incendiare per irradiare di luce e calore, trasmettere e distruggere, romantico e decadente bohemien, Diego Mancino ha lo spirito del fanciullino punk e vive, vive e unisce e mescola musica, poesia, pittura proprio come nel suo ultimo disco “L’evidenza”. Inascoltabile in sottofondo, la densità e l’energia delle canzoni di questo album arrivano all’orecchio e lasciano un segno al cuore.

Dopo aver passato la giovinezza in giro per il mondo seguendo l’orchestra in cui il padre suonava classici italiani, collabora con diverse realtà musicali: Roberto Dell’Era (Afterhours), con il quale ha registrato “Ami lei o ami me”, il collettivo Rezophonic, il rapper Fabri Fibra che lo ha ospitato nel brano e videoclip di “Idee stupide”.

Con una sensibilità fuori dal comune e un particolarissimo timbro vocale, parlando del suo ultimo album il cantautore milanese afferma: “Il disco indaga l’amore e la voglia di rivolta; una rivoluzione spirituale che arriva quando accetti di trovare una corrispondenza elettiva, un alfabeto segreto che elevi la visione del quotidiano. Mi interessa ciò che è contemporaneo e volto al futuro. Cerco di determinare una strada nuova che vada volutamente contro lo sviluppo delle canzoni italiane. Non per negare il passato, ma per dedicarmi completamente alla poesia; per scoprire una differente poetica morale, intima. Questo disco ha come musa trainante il poeta simbolista Arthur Rimbaud”.

Per chi cerca propri sensi e significati nelle canzoni, per chi non ama vedere la musica in tv, per chi ha voglia di ascoltarla … ad occhi chiusi … Diego Mancino ha molto da dirvi.

Da ascoltare:

- Cose che cambiano tutto (2005)

- L’evidenza (2008)

Ti è piaciuto? Aggiungi un commento!

comments